FAMI

Home / FAMI

Il progetto “Ancora 2.0 – Consolidamento e modellizzazione di interventi di comunità per l’autonomia dei titolari di protezione internazionale” è stato ideato all’interno di “Europasilo – rete nazionale per il diritto di asilo” nata con l’intento di: condividere esperienze ed obiettivi tra Enti di tutela che hanno dato vita, a livello nazionale, ai più consolidati programmi dello Sprar/Siproimi; favorire un sistema di accoglienza territoriale e strutturato; promuovere una nuova legislazione organica in materia di asilo che dia attuazione all’art.10 della Costituzione della Repubblica. (www.europasilo.org)

Il progetto, che prevede la partecipazione di 16 Enti del Terzo settore appartenenti alla rete di Europasilo e 4 Comuni, per un totale di 9 regioni italiane coinvolte, prevede:

  • la creazione di equipe multidisciplinari territoriali, per la presa in carico dei titolari di protezione internazionale usciti dal percorso di accoglienza;
  • l’attivazione di interventi finalizzati all’integrazione lavorativa, abitativa, sociale dei titolari di protezione internazionale, coerenti con i percorsi obiettivi definiti tra il titolare e l’equipe territoriale;
  • l’avviamento dei tutor territoriali (persone fisiche e/o persone giuridiche) in grado di sostenere il benessere, la resilienza individuale, la progressiva emancipazione dalla dipendenza degli aiuti, il radicamento affettivo e relazionale nel medio lungo periodo dei titolari di protezione internazionale destinatari degli interventi;
  • lo sviluppo di una modellizzazione degli interventi che, partendo dai singoli territori, sia in grado di produrre effetti a livello nazionale.

Il progetto è stato finanziato nell’ambito del Fondo Asilo, Migrazione e Integrazione 2014-2020 – Obiettivo Specifico 1. Asilo – ON 1 – lett c) – Potenziamento del sistema di 1° e 2° accoglienza Avviso Realizzazione di percorsi individuali per l’autonomia socio-economica.

Soggetto capofila:

Partner Istituzionali:

                                           

Partner del provato sociale: